quali strategie per il nuovo porto?

Di   16/09/2010

Mentre il Sindaco-Senatore-Presidente della commissione Bilancio è indaffarato negli affari capitolini della politica nazionale e il suo braccio destro muove i primi passi nella politica regionale, vengono costruite relazioni per il rafforzamento dei grandi porti pugliesi:

Dei 40 porti europei «strategici» su cui l’Unione europea punta e sui quali confluiranno i sistemi trasportici futuri ed i relativi finanziamenti, 9 sono italiani, di cui 4 sono collocati nel territorio del Sud d’Italia e 3 in Puglia. La notizia l’ha data il capo dipartimento Infrastrutture del ministero dei trasporti, Domenico Crocco, nel suo intervento. «Nella strategia comunitaria, il Sud e la Puglia – ha spiegato Crocco – con i porti di Bari, Brindisi e Taranto insieme con quello calabro di Gioia Tauro, rappresentano non solo per vocazione naturale, le maggiori piattaforme logistiche nel Mediterraneo. Questo vuol dire possibilità di intercettare, gestire e lavorare flussi di merci».

Fonte: Tra i 40 porti strategici europei ci sono Bari, Brindisi e Taranto. Feeling tra Puglia e Olanda

Avete mai sentito parlare la destra molfettese di strategie, di contenuti?
Qualcuno ha mai capito a chi servirà il nuovo porto di Molfetta?

P.S. sono state volutamente sottintese una serie di altre domande (sulla perimetrazione della SIC, sui lavori di sminamento, sulle prescrizioni regionali non rispettate…)


Rispondi