15 anni e non sentirli

Di   19/09/2013

XIV festa di liberazione14 edizioni estive e 2 invernali, dal 1998 ad oggi.

La XIV Festa di Liberazione organizzata dal circolo di Molfetta “Palestina Libera”, ospitata in Piazza Municipio lo scorso week-end, è stata un successo totale, una delle più belle dimostrazioni di quanto siano troppo spesso abusati determinati termini sullo scollamento della politica dal paese reale, specie quando la prima vive e si relaziona ogni giorno con il secondo.
Un successo perché ha riportato, come ci sforziamo di fare da parecchi anni, dentro e soprattutto fuori dalle campagne elettorali, un’assemblea pubblica in piazza, un confronto dialettico tra i mondi della politica e quelli dell’associazionismo e dei rinati comitati di quartiere, mostrando quanto questi mondi non siano mai, da un lato e dall’altro, autosufficenti nel porre in atto visioni della città capaci di offrirle un volto più umano e più bello.
Un successo perché ha saputo porre in evidenza, coerenti con una vocazione internazionalista che pare a nostro avviso la migliore delle risposte che una sinistra comunista possa dare alla globalizzazione portata avanti a tappe forzate dal neoliberismo, interconnessioni imprescindibili tra il livello locale, nazionale ed internazionale, mostrando quanto la precaria situazione politica in Siria annoveri colpevoli più o meno illustri anche tra le classi dirigenti dei partiti di governo a livello nazionale e tra multinazionali e imprese che sulla pelle e sul sangue dei popoli vedono schizzare in alto i propri fatturati.
Un successo testimoniato dall’entusiasmo e dalla partecipazione di quanti e quante nei tre giorni si siano trovati a proprio agio nello spazio della festa, “antichi” compagni di sinistra e nuove generazioni assetate di tempi e spazi liberi e da liberare per poterne fruire per il bene proprio e di tutta la città.
A maggior ragione a seguito delle delibere di giunta con cui è stata istituita la zona a traffico limitato in una delle piazze più belle della nostra città, rivendichiamo con un pizzico di orgoglio il fatto che negli anni bui dell’azzollinismo abbiamo ogni anno liberato temporaneamente Piazza Municipio dalle macchine, trasformando un parcheggio a cielo aperto in una Festa di buona politica, arte, musica e gastronomia.
L’appuntamento è per l’anno prossimo, quando la nostra/vostra Festa arriverà alla quindicesima edizione.


Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.