l’acqua è un bene pubblico

Di   25/02/2009

Pubblichiamo il comunicato stampa del coordinamento regionale pugliese del Partito della Rifondazione Comunista:

L’ ACQUA E’ UN BENE PUBBLICO E NON PUO’ AVERE PADRONI

Apprendiamo che un consigliere regionale, esponente del partito democratico, ha presentato una mozione che, qualora passasse, porterebbe le imprese private nella proprieta’ dell’ acquedotto pugliese.

Cio’ e’ inaccettabile:

l’ acqua e’ un bene comune primario, fonte di vita, diritto inalienabile.

La difesa dell’ acqua come bene pubblico é patrimonio di movimenti sociali in tutto il mondo.

In puglia, oltre 40 enti locali , fra i quali le province di bari e lecce e il comune di bari, hanno sostenuto la proposta di legge di iniziativa popolare per la ripubblicizzazione dei servizi idrici e formato un coordinamento regionale in tal senso.

Alcune regioni, ad esempio il piemonte, hanno fatto ricorso contro la legge del governo berlusconi che prevede le privatizzazioni (l.133/art 23bis).

Alcuni comuni italiani hanno annullato le gare di affidamento ai privati.

Invece, la regione puglia dovrebbe privatizzare?

É questa l’ innovazione?

L’ idea di gareggiare con la destra nello sciagurato sistema delle privatizzazioni, è odiosa sul piano dei principi e persino antieconomica: infatti é dimostrato che con l’ intervento dei privati le tariffe aumentano.

prc
Auspichiamo una sonora bocciatura della mozione in oggetto, contraria al programma di governo della regione puglia e all’ interesse dei cittadini pugliesi.

Rifondazione Comunista si impegna, in consiglio regionale e nel paese, a difendere questo bene che non può essere oggetto di mercato e deve essere considerato privo di rilevanza economica.

COORDINAMENTO REGIONALE P.R.C. PUGLIA

PRC-Molfetta


Rispondi