Quando mancano le regole regna l’arbitrio

Di   08/08/2012

Oltre alla vicenda degli incarichi ai dirigenti nominati politicamente, prorogati al di là del mandato del Sindaco Azzollini in scadenza ad aprile 2013, per altri cinque, ci sono altre vicende che mostrano l’assoluto disprezzo per le regole e la trasparenza di questa Amministrazione.
Molti ricorderanno la vicenda dei cinque gazebi per fruttivendoli che la Giunta comunale decise nell’estate scorsa di affidare a un’azienda senza gara pubblica per un importo di 350.000 €. Dopo nostra interpellanza e ricorso seguente alla Procura e alla Corte dei Conti la Giunta ha deciso di indire una gara pubblica vinta da un’azienda per un importo di 250.000 €, con il risultato che ogni gazebo verrà a costare circa 50.000 € anziché 70.000 € (un risparmio netto di 100.000€). Chissà quanti altri risparmi potrebbero esserci se l’Amministrazione invece di affidare direttamente seguisse regolarmente procedure di evidenza pubblica, aggiornando inoltre al 2012 come la legge impone l’Albo comunale dei fornitori fermo al 2011.
Questa vicenda ci dice che ogni qual volta non ci sono trasparenza e programmazione la discrezionalità può trasformarsi in arbitrio e nuocere alle regole oltre che alle casse comunali, come in altri due casi su cui abbiamo presentato interpellanze consiliari apposite.
Il primo caso riguarda un contratto di collaborazione occasionale stipulato tra il Comune e un privato nell’ottobre 2010 (fino al febbraio 2011) a seguito del passaggio di competenze sul demanio marittimo dalla Regione al Comune. All’epoca all’interno dell’amministrazione comunale di Molfetta non vi era personale in possesso della necessaria professionalità nella materia secondo la Giunta comunale. Comprensibile che per un’emergenza si ricorra a personale esterno ma un’Amministrazione saggia nel frattempo o forma il suo personale o predispone nuove assunzioni con procedure concorsuali pubbliche, ma soprattutto si dota di un Regolamento per la disciplina delle collaborazioni esterne. Invece, nulla di tutto ciò, nell’aprile 2011 si stipula con la stessa persona un nuovo contratto per un anno, e scaduto quest’ultimo contratto dall’aprile 2012 la stessa persona continua a disporre di libero accesso ai locali e agli uffici del Comune, nonostante ripetute richieste di chiarimenti anche da parte delle Rappresentanze Sindacali comunali e con buona pace del Regolamento per la disciplina delle collaborazioni esterne.
Un altro esempio di assenza di regole e trionfo dell’arbitrio?
Molti cittadini in questi anni hanno lamentato l’invasione selvaggia di impianti pubblicitari. Ebbene, Molfetta aspetta da anni un nuovo Piano generale degli impianti pubblicitari che nel maggio 2011 in Consiglio comunale fu rinviato alla seduta successiva dietro richiesta della Giunta comunale. Che succede nel frattempo dopo più di un anno? Accade che si concedono nuove superficie pubblicitarie a un privato, senza procedura di evidenza pubblica, con la scusa della sostituzione di vecchi impianti di affissione. Per cui senza gara e in assenza di un Piano generale si “regalano” nuove superfici, con una delibera di Giunta in cui non c’è nemmeno l’indicazione di un Responsabile del Procedimento (un po’ come successo per il finanziamento alla Fondazione Valente dell’estate molfettese).
Su tutte queste vicende (Fondazione Valente, contratti di collaborazioni poco “occasionali”, nuovi impianti pubblicitari) attenderemo fino alla fine di agosto risposte convincenti da parte dell’Amministrazione comunale alle interpellanze del nostro consigliere, altrimenti – come per la vicenda dei gazebi della frutta – ci rivolgeremo alla magistratura ordinaria e contabile per far valere le regole oltre che il buon senso in questa città.


Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.