volantinaggio domenica 20 febbraio Acqua è bene comune

Di   21/02/2010

Di seguito il testo del volantino distribuito:

ACQUA: è bene comune

Rifondazione Comunista ha manifestato tutta la propria opposizione per l’approvazione nel mese di novembre del cosiddetto “Decreto Ronchi” con il quale si mettono sul mercato, si privatizzano, i servizi pubblici locali: primo fra tutti la distribuzione dell’acqua! Ci stiamo impegnando per informare tutta la comunità cittadina su cosa comporterà nelle vite quotidiane di tutti questo regalo alle multinazionali e ai soliti noti.

Nei giorni scorsi, il nostro consigliere  comunale, Gianni Porta, ha presentato un ordine del giorno per far sì che anche Molfetta, come hanno già fatto più di 120 comuni italiani (Altamura è stata la prima città della Provincia di Bari), molti dei quali governati dal centrodestra, dichiari nel suo statuto comunale che

la gestione del servizio idrico integrato è un servizio pubblico locale privo di rilevanza economica, in quanto servizio pubblico essenziale per garantire l’accesso all’acqua per tutti e pari dignità umana a tutti i cittadini, e quindi la sua gestione va attuata attraverso gli Artt. 31 e 114 del d. l.gs n. 267/2000”.

Chiediamo anche che l’Amministrazione comunale sia portatrice di questi principi nell’Assemblea dell’Ambito Territoriale Ottimale della Puglia per contrastare ogni ipotesi di privatizzazione dell’Acquedotto Pugliese.

Le esperienze concrete in questi anni di chi ha vissuto “nelle proprie tasche”  cosa significhi la gestione privata del servizio idrico deve essere la bussola per orientare le scelte politiche: emblematici i casi di Arezzo, Latina e alcune province siciliane. Perfino il comune di Parigi, dopo 25 anni di gestione privata ha decretato il ritorno alla gestione pubblica. Ve lo hanno detto in televisione? Lo avete letto su certa stampa?

L’acqua è  bene comune; i beni comuni non sono merci!


Rispondi