assemblea cittadina martedì 31 marzo

Di   28/03/2009

prcLa crisi economica che sta producendo effetti devastanti sul reddito di migliaia di lavoratori e pensionati, non viene a caso. E’ il frutto di precise politiche finalizzate alla precarizzazione del lavoro e alla compressione dei salari. I lavoratori impoveriti non sono in grado di comprare le merci che producono.
Le misure adottate dal governo sono di carattere contingente e del tutto inadeguate anche se paragonate a quelle di altri paesi europei.
Il governo Berlusconi lo sappiamo pensa ad altro. Con la complicità di C.I.S.L., U.I.L. e U.G.L. è stata messa a punto una riforma del modello contrattuale che riduce il sindacato ad organo di sottogoverno delle imprese e attua una riduzione scientifica dei salari.
Invece per uscire dalla crisi è sono necessarie adeguate misure di sostegno al reddito:

  • Blocco dei licenziamenti e il rinnovo dei contratti di lavoro e dei precari;
  • l’estensione degli ammortizzatori sociali a tutti i lavoratori precari e aumento delle indennità;
  • l’istituzione del salario sociale per i disoccupati.

E’ necessario un nuovo intervento pubblico dello stato nell’economia. Basta con i soldi regalati alle banche e alle imprese senza che ad essi corrispondano quote di proprietà pubblica. Le risorse date alle banche e alle imprese devono essere vincolate al mantenimento dell’occupazione e alla riconversione ecologica delle produzioni. Al posto delle grandi opere, politiche per risanamento del territorio, per la ristrutturazioni degli edifici scolastici, per sistemi di mobilità sostenibile.
Sosteniamo la Cgil.
Tutte/i a Roma il 4 aprile per la manifestazione.
(Per info e adesioni pullman contattare il numero 3476184807)

Di tutto questo si discuterà nel corso della assemblea cittadina che si svolgerà presso la sede della Casa della Sinistra, in Via Paniscotti 17 a Molfetta, martedì 31 marzo, alle ore 19, con la partecipazione di: Giuseppe de Leonardis, segretario provinciale Flai Cgil e Gianni Porta consigliere comunale di Rifondazione Comunista.

PRC-Molfetta


Rispondi