risposta di Gianni Porta alla richiesta dell’Azione Cattolica

Di   02/06/2011

LETTERA APERTA ALLA PRESIDENZA DIOCESANA

DI AZIONE CATTOLICA

4 SI’ per il FUTURO, 4 SI’ per la democrazia

La consultazione referendaria del 12 e 13 giugno sui temi dell’acqua pubblica, sul nucleare e sul legittimo impedimento meritano – come sollecitato dall’Azione Cattolica diocesana ai consiglieri comunali di Molfetta, Ruvo, Giovinazzo e Terlizzi – un pronunciamento chiaro e in forma pubblica.

In qualità di consigliere comunale e militante di Rifondazione Comunista/Federazione della Sinistra ribadisco l’appoggio e l’impegno a favore di quattro sì ai referendum e l’invito, in ogni caso, a recarsi alle urne per esercitare un diritto e partecipare fattivamente a un esercizio positivo di democrazia.

Sì perché l’acqua è di tutti e non può essere privatizzata, con particolare riferimento al servizio idrico integrato e non solo alla semplice risorsa acqua.

Sì perché sull’acqua non si possono fare profitti né concedere lunghe licenze di monopolio a privati senza che la cittadinanza abbia alcun controllo sulle tariffe.

Sì perché è folle costruire centrali nucleari, non solo per le ragioni che incidenti recenti hanno dimostrato senza possibilità di smentita, ma anche perché è antieconomico e irresponsabile con riferimento ai problemi irrisolti di smaltimento delle scorie.

Sì perché la legge sia davvero uguale per tutti e si cancelli la legge sul “legittimo impedimento” a comparire in tribunale per Presidente del Consiglio e ministri, affinché l’Italia si rimetta sulla strada dell’uguaglianza formale e materiale, abbandonando il percorso che l’ha fatta assomigliare sempre più a una “repubblica delle banane”.

Infine, due inviti.

Il primo rivolto a tutti i rappresentanti istituzionali della città – non solo quindi i consiglieri comunali come sollecitato dall’Azione Cattolica – affinché prendano parola e posizione rispetto a questa scadenza, nella convinzione che la comunità cresce e si auto-educa non solo quando ci sono da eleggere rappresentanti ma anche – e soprattutto – quando si dibatte e ci si schiera su fondamentali questioni di merito come quelle oggetto dei referendum.

Il secondo invito rivolto a tutta la cittadinanza a partecipare alla conferenza pubblica che si terrà venerdì 3 giugno, ore 20, presso Corso Umberto altezza Liceo, per spiegare contenuti e ragioni dei 4 referendum, perché è convinzione del partito in cui milito che la discussione e l’informazione non debbano esserci soltanto nelle tradizionali campagne elettorali.

Una iniziativa pubblica organizzata dalla Federazione della Sinistra nell’ambito di un impegno già avviato da mesi in città, anche in collaborazione con altre realtà politiche e associative, e in Consiglio comunale dove, lo ricordiamo per dovere di cronaca, qualche mese fa abbiamo presentato un ordine del giorno, respinto purtroppo dalla maggioranza, per inserire nello Statuto Comunale il riconoscimento dell’acqua come bene comune.

Molfetta, 1° giugno 2011

Gianni Porta

Consigliere comunale

Rifondazione Comunista/Federazione della Sinistra



Rispondi